Tremava: una pianta parassita a cui prestare attenzione

Tremava, chiamata anche rete di Dio, è una di quelle piante parassitarie pericolose per le piante ospiti. Una volta che appare sul campo, inizierà a diffondersi su piante o alberi come una grande rete da pesca. Ecco alcuni suggerimenti per controllare il dodder.

I lineamenti di Dodder

Il dodder può visualizzare vari colori: giallo, rosso o anche arancione. Questa particolare pianta non ha né foglie né clorofilla.

Durante l’estate, i fiori sbocciano e il frutta poi si diffonderanno in natura grazie all’acqua o agli animali per attaccare le future vittime. Grazie ai suoi vari sensori, il tremante troverà l’ospite giusto e inizierà a girargli intorno.

Credito: Kamruzzaman Masud / iStock

Prima morderà e succhierà i nutrienti dalla pianta. Senza contatto con il terreno, si svilupperà e intrappolerà la pianta ospite con i suoi steli lunghi circa 1 metro che si estendono fino ai rami della sua vittima. A poco a poco, si indebolirà.

La tremante può attaccare diverse piante del giardino come barbabietole, carote, melanzane, ravanelli o persino peperoni. Anche le piante da aiuola ornamentali possono soffrire. Anche gli ulivi e gli agrumi sono spesso prendendo di questa meravigliosa pianta.

Dovresti anche sapere che le erbacce e le ortiche sono la prima causa di sviluppo del dodder.

Prevenzione e rimozione

È durante il periodo di primavera, quando le piante si sviluppano, è necessario prestare attenzione alla tregua. Al giorno d’oggi, l’assenza di dodder è molto spesso indicata al momento dell’acquisto. D’altra parte, quando il frutteto è stato colpito una volta, è molto probabile che la trema sia ancora presente e le piccole dimensioni dei suoi semi rendono particolarmente difficile il rilevamento.

L’unica soluzione è smettere di coltivare le piante che ti attirano per diversi anni per evitarlo. un nuovo ciclo di inquinamento. Se noti la caratteristica ragnatela di questa pianta, rimuovi immediatamente tutti i gambi prima della fioritura e della dispersione dei semi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.