Tápera: consigli su semina, coltivazione e cura

I capperi utilizzati in cucina provengono dal cappero, un piccolo arbusto cespuglioso e spinoso. In realtà, sono i boccioli dei fiori che non si schiudono. Ma se i fiori possono sbocciare fino in fondo, il cappero diventa una magnifica pianta ornamentale con bellissimi fiori bianchi profumati. Scopri come piantare, coltivare e prendertene cura.

Dove e quando piantare il cappero?

Il cappero è una pianta semi-resistente. Resistente al freddo fino a -7 °C, ma perde le foglie a 0 °C. Che sia per la semina nel terreno o per la semina, lavorerai in primavera.

I semi vengono seminati in un impasto sabbioso, caldo a febbraio o all’aperto dopo l’ultima gelata. È possibile anche la semina a caldo in autunno, ma la germinazione richiederà più tempo (3-4 mesi). Vi consigliamo infatti di optare per talee, sarà più facile.

Il cappero richiede un terreno povero, roccioso, asciutto, leggero e ben drenato. Va posta in pieno sole, ma al riparo dai venti, idealmente contro un muro esposto a sud.

Crediti: Henri Pidoux/Wikipedia

Come piantare il cappero?

La pianta del cappero viene piantata nel terreno solo nel sud della Spagna nella regione mediterranea. Altrove, preferisci una coltura in una prova elevata che proteggerà dal freddo in inverno o una serra.

L’apparato radicale del cappero è piuttosto fragile. Prima di piantarlo, è necessario lavorare bene il terreno. Scavare una buca profonda circa 50 cm, posizionare la pianta con cura per non danneggiare la zolla e riempirla con il resto del terriccio. Innaffia generosamente.

Come mantenere la pianta del cappero?

Per la pianta del cappero in vaso, la rinvaserai solo se diventa essenziale (radici che escono dal vaso per esempio). In effetti, come è stato detto prima, il suo apparato radicale è particolarmente fragile. Il test dovrebbe essere sempre più profondo che largo, dovrai stare molto attento a non rompere la zolla.

L’irrigazione è particolarmente importante il primo anno, quindi la pianta del cappero non necessita di manutenzione a livello dell’acqua. Ha molta paura dell’umidità, soprattutto in autunno e in inverno.

Il cappero è particolarmente fragile durante il primo anno. Una volta matura, è una pianta molto robusta che può vivere fino a 80 anni a seconda della varietà. Tuttavia, la sua crescita è molto lenta. Ci vogliono diversi anni prima che raggiunga la sua dimensione adulta. Puoi pizzicare i giovani steli all’inizio di marzo in modo che si diramano.

La raccolta dei capperi

Per raccogliere i capperi, raccogli semplicemente i boccioli dei fiori prima che si aprano. Asciugare al sole e poi conservare in aceto. Si possono anche marinare con sale dove avverrà la lattofermentazione.

Fonte

Articoli correlati:

Caviale di limone: semina, coltivazione, cura e raccolta

Physalis: come piantare, coltivare e prendersi cura dell’amore in una gabbia

Glicine: pianta, cura e pota questa profumata pianta rampicante

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.