Sarcococca: Coltivo questo arbusto dai fiori profumati in pieno inverno

Il sarcococca non è l’arbusto più diffuso. Tuttavia, ha la particolarità di rivelare fiori deliziosamente profumati durante l’inverno! Abbellisce magnificamente anche il paesaggio invernale con le sue bacche rosso brillante. Questo arbusto facile da coltivare ama gli angoli ombrosi e sarà quindi l’ideale lungo un muretto o intorno alla casa. Ecco tutti i nostri consigli per piantare e prendersi cura dei sarcococa.

Dove e quando piantare il sarcococa?

Il momento ideale per piantare il sarcococa è arrivato cade, perché è durante questo periodo che attecchirà meglio. È possibile piantare in primavera, ma bisogna sempre evitare i periodi di gelo ed essere regolari con le annaffiature iniziali.

Molto spaventato dall’umidità nel sottosuolo, si consiglia di scegliere un terreno ben Esausto. Un terreno neutro o leggermente acido andrà bene.

Sul lato dell’esposizione l’ombra parziale è l’ideale, ma attenzione, il sarcococa teme il freddo. Per lui proteggere dal ventoposizionare il cespuglio dietro un muretto o sotto alberi ad alto fusto.

Credito: sette75 / iStock

La piantagione

Questo arbusto dai fiori profumati può essere coltivato sia in vaso che nel terreno. In una pentola, la sua messa a dimora è di base, è sufficiente utilizzare un terriccio universale.

Per creare una recinzione a terra bassa, scegli cespugli alti 15-20 cm e distanzia ogni pianta 20-25 cm. Maggiore è lo spazio, più alta sarà la tua recinzione. Inoltre, per garantire una buona crescita, ricorda di incorporare il terriccio nel terreno del giardino al momento della semina.

Innaffia abbondantemente e pacciama materiali organici nutrire le piante e proteggere le radici dal gelo.

Sarcococa
Credito: sette75 / iStock

Come prendersi cura del sarcococa?

Facile da coltivare, il sarcococa non richiede molte cure una volta ben stabilizzato. Tuttavia, se ti piace l’arte topiaria, puoi divertirti scolpire questi cespugli per dar loro forme originali.

L’irrigazione del terreno non è essenziale, il piovere dovrebbe essere sufficiente. Se però le foglie ingialliscono bisognerà intervenire, tranne che in autunno, poiché allora il fenomeno è naturale. In primavera è anche possibile stimolare il cespuglio con fertilizzante a base di bosso.

In prova, l’irrigazione è essenziale. La pianta potrebbe mancare di acqua e la vedrai con foglie ingiallite e inaridite. Innaffia regolarmente, ma soprattutto non troppo! Le radici hanno paura dell’umidità e questo potrebbe essere fatale per la pianta. Pertanto, il vaso deve essere forato sul fondo e contenere uno strato di palline di argilla o ghiaia per filtrare l’acqua ed evitare che ristagni.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.