Mela selvatica: un albero utile per la biodiversità

Il melo selvatico è coltivato principalmente per uccelli, insetti e per favorire la biodiversità. Infatti le mele che si trovano su questo albero sono molto acide e hanno un sapore aspro, da qui il soprannome di “acerbico pomero”. I frutti sono ancora commestibili, ma avrete capito, l’assaggio di contorno non è dei migliori. A volte capita che si possa fare la gelatina quando le mele non sono troppo amare. È comunque preferibile lasciare i frutti al loro posto, soprattutto in inverno per nutrire gli uccelli. Ecco alcuni suggerimenti per coltivare alberi di melo.

Il melo selvatico, per chi, per cosa?

Le mele dell’albero di melo (o Malus sylvestris) non vengono generalmente coltivate per gli esseri umani, ma piuttosto per gli uccelli. In effetti, questo albero rustico conserva la frutta per buona parte dell’inverno! Le sue piccole mele, non più grandi di una ciliegia, permettono agli uccelli di nutrirsi quando il cibo scarseggia.

il Malus sylvestris A maggio produce anche bellissimi fiori bianchi o rosa chiaro! È una pianta di miele che sfamerà le api e gli altri amici dell’orto, e tutto questo a favore della biodiversità. Di piccole dimensioni, il melo selvatico troverà il suo posto in ogni giardino!

Credito: Carol Hamilton/iStock

Dove, quando e come piantare il melo selvatico?

Il periodo ideale per piantare il melo è l’autunno o la primavera, sempre al di fuori dei periodi di gelo. preferirà suolo fertile, fresco, profondo e soprattutto ben drenato. Posizionarlo in un luogo molto luminoso o, in caso di pizzicamento, in parziale ombra. Grazie alla luce del sole, la fioritura sarà ancora più bella.

La crescita dell’essere un albero Lentosi integrerà molto bene con altri grandi arbusti, come sorbo o lillà.

Per quanto riguarda la semina, dovrai prima inumidire la zolla in una bacinella d’acqua. Quindi scava una buca per piantare il doppio della dimensione della zolla e aggiungi del compost sul fondo per rendere il terreno più fertile. Infine, posiziona la zolla nella buca e riempila con la terra del giardino e copri il piede.

Dopo aver piantato il cespuglio, annaffia abbondantemente e bagna ai piedi dell’albero.

Come mantenere il melo selvatico?

Il melo selvatico richiede poca manutenzione. In primavera, prendi composto per arricchire la terra. Innaffia regolarmente durante la stagione calda, perché la siccità non è davvero tua amica. Tuttavia, tollera molto bene il freddo invernale.

A fine inverno, puoi fare un po ‘ taglio luce per stimolare la futura fioritura e mantenerla vigorosa. Rimuovi rami secchi e polloni. Fai attenzione a non tagliare rami giovani sani, poiché ciò bloccherà la già lenta crescita dell’albero.

mela granchio Malus sylvestris
Credito: Alison Chapman/iStock

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.