Legna da ardere: che tipo di legna scegliere?

Forse sei una di quelle persone che ancora si riscaldano con la legna da ardere? Nota che sempre più persone usano questo mezzo per far fronte al freddo dell’inverno. È sia economico che ecologico. Tuttavia, non tutti i tipi di legno sono uguali. È importante scegliere la qualità del legno per una completa ottimizzazione. Ma come fai a sapere se la legna da ardere che hai comprato per riscaldarti quest’inverno funzionerà bene? È abbastanza secco e la varietà dell’albero ti consentirà un buon brindisi? Trova qui tutte le risposte alle tue domande!

Come riconoscere un buon legno?

Devi sapere che 1 kg di legna fornisce 5 kWh di energia. Il legno deve essere asciutto, cioè con un tasso di umidità inferiore al 20%. Per scendere al di sotto del segno di umidità del 20%, il legname in genere deve asciugare per un periodo da 15 a 24 mesi a seconda di dove viene essiccato e dello spessore del taglio dei tronchi.

Il momento migliore per abbattere gli alberi è in autunno e in inverno, quando gli alberi stanno perdendo linfa alle radici.

Per scegliere la legna da ardere appropriata in base alle diverse specie disponibili, è necessario sapere che a parità di volume il potere calorifico è molto diverso a seconda della specie di legna da ardere. Pertanto, la scelta ha un ruolo importante a seconda di cosa si vuole riscaldare.

Crediti: Pexels/Pixabay

I diversi tipi di specie legnose

Il tre specie I principali tipi di alberi sono le latifoglie dure, le latifoglie morbide e infine le conifere.

1) Il alberi decidui duri Sono densi e a crescita lenta. Forniscono molto calore e bruciano a lungo, ma sono difficili da rompere e hanno un tempo di asciugatura abbastanza lungo. Fanno parte di questa specie arborea castagno, carpino, leccio, faggio, frassino, olmo, noce, robinia e alberi da frutto.

2) La seconda essenza è alberi dalle foglie morbide che sono scarsi. Hanno un potere calorifico medio e una velocità di combustione veloce. Questa essenza può essere usata per accendere un fuoco. Si seccano abbastanza rapidamente rispetto alle specie primitive, ma generalmente si conservano meno bene. Questa specie è composta da ontano, betulla, platano, salice o addirittura pioppo.

3) Infine, l’ultima specie non è molto densa: sono queste legni teneri. Questi sono legni leggeri e teneri che si riscaldano abbastanza bene, ma bruciano abbastanza rapidamente. Tuttavia, producono braci che possono rompersi. E la resina contenuta nel legno tende a contaminare il camino. Gli alberi che si trovano in questa specie sono abete rosso, abete rosso, pino e larice.

In breve, la legna da ardere affidabile è secca, densa e dura. Inoltre, considera di acquistarlo prima della fine del periodo di riscaldamento per finire di asciugarlo a casa in modo da poter trovare il legno un po’ meno costoso. Non dimenticare di riscaldare il giardino con il pacciame!

ascia di legno
Crediti: jackmac34 / Pixabay

Fonte

Articoli correlati:

Profumi invernali: 4 consigli 100% naturali per una casa profumata

Piante da interno: 5 errori da evitare per piante sane

10 consigli per mantenere i tuoi fiori più a lungo

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.