Latta da giardino: come combattere le alghe verdi?

Avere uno o più stagni in giardino richiede molta manutenzione. Pertanto, mantenere l’acqua sempre pulita e pulita è una vera sfida. La cosa peggiore sono le alghe verdi, che non sono estetiche in primo luogo, ma possono anche essere molto nauseanti. Inoltre, una volta stabilite, le alghe tendono ad essere molto invasive. Scopri come combattere le alghe verdi che invadono i laghetti da giardino.

Quali sono le cause della comparsa delle alghe verdi?

Il primo fattore nell’aspetto delle alghe verdi nello stagno è la qualità dell’acqua. Infatti un eccesso di nutrienti nell’acqua del laghetto favorisce lo sviluppo delle alghe verdi. Questa contaminazione organica può provenire da detriti vegetali caduti sul fondo dello stagno da molto tempo, da cibo troppo abbondante per i pesci o da una sovrappopolazione di questi stessi pesci, o anche dall’aggiunta di letame troppo vicino a la ciotola.

Devi anche assicurarti che ci siano abbastanza piante acquatiche per “pulire”, filtrare e decontaminare l’acqua. Tieni presente che molti di loro muoiono durante l’inverno, quindi considera di aggiungerne altri. Senza di loro, le alghe verdi trarranno vantaggio dai nutrienti per svilupparsi.

Ultimo fattore: il sole. Il laghetto da giardino dovrebbe essere sempre in ombra parziale. Il calore dei raggi solari aumenta l’aspetto delle alghe verdi.

Cosa fare per combattere le alghe verdi?

Combattere le alghe verdi è soprattutto una questione di prevenzione e di regolare manutenzione. Ecco alcuni suggerimenti per iniziare:

  • Raccogli regolarmente tutti i detriti vegetali caduti nello stagno. Che siano rami, foglie, fiori o solo erba, è sempre necessario raccoglierli prima che cadano sul fondo dello stagno. Una volta in fondo, il residuo marcirà e si decomporrà.
  • Fai attenzione alla sovrappopolazione di pesci nello stagno. Sono necessari 50 litri di acqua per un pesce rosso e 1000 litri per una carpa koi!
  • La quantità di mangime per pesci sarà controllata. Tutto ciò che non viene mangiato entro 5 minuti finirà sul fondo dello stagno.
  • Cura anche il mantenimento delle alghe acquatiche. Sostituisci quelli che non sono sopravvissuti al freddo in primavera. Ecco alcune varietà di decontaminazione: Aponogeton, Elodea, Ranunculus, Sagittarius, Iris pseudacorus, ecc.
  • Se lo stagno è abbastanza profondo, posiziona ninfee, giacinti d’acqua e loto come ombra. Puoi anche piantare un albero sempreverde vicino allo stagno.
  • In primavera, filtra lo stagno.
Crediti: Scholty1970 / Pixabay

Fonte

Articoli correlati:

Cornice caffè: 5 modi per riutilizzarla in giardino e in casa

Il sapone nero per curare il tuo giardino in modo ecologico e naturale

10 piante incredibili per il tuo bagno

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.