La plastica in giardino: come limitarne l’uso alla natura?

La guerra alla plastica è ufficialmente dichiarata. La cosa positiva è che l’agricoltura urbana si sta sviluppando sempre di più nelle grandi città. Ma il problema è che, paradossalmente, vediamo che in queste culture compare sempre più plastica. Pensiamo innanzitutto alle serre i cui tetti sono interamente realizzati in plastica. Tuttavia, gli attivisti ambientali vedono questo problema come un fastidio per l’aria respirabile delle piante. Sfortunatamente, la realtà è che la plastica è ancora abusata nello spazio del paesaggio. Ecco alcuni consigli per limitarne l’uso in giardino!

1) La serra di vetro

Lo scopo di una serra o di un tunnel da giardino è quello di mantenere calde le colture in modo che possano crescere più velocemente e continuamente anche durante le ondate di freddo. Avere una serra è un primo passo ecologico. Infatti, utilizza le risorse naturali. Quando i raggi solari attraversano le pareti trasparenti, l’aria intrappolata all’interno si riscalda e, quindi, anche il pavimento. Le pareti inoltre bloccano lo scambio di calore con l’esterno, impedendo così la circolazione delle correnti d’aria fredda.

Quando si acquista una serra, il budget è generalmente il criterio numero 1. Naturalmente, la plastica è innegabilmente più economica del vetro… ma solo a breve termine! Infatti, la copertura in plastica deve essere rinnovata regolarmente, il che significa che il suo costo non farà che aumentare. Inoltre, la copertina durerà dai 5 ai 10 anni al massimo! E questa ristrutturazione non farà che aumentare i tuoi rifiuti.

Il vetro è completamente riciclabile. È vero che sostituirlo ha un costo se si rompe. Ma se opti per il vetro di sicurezza (vetro temperato) fin dall’inizio, le tue spese si avvicineranno a quelle realizzate per il policarbonato. E poi esteticamente, una veranda in vetro aggiungerà carattere al tuo esterno. Qualitativamente, è più penetrato dalla luce, più ritenzione di calore e più raccolta di acqua piovana.

Crediti: Free-Photos / Pixabay

2) Coperta di cartone

Per il diserbo, conosciamo molto bene la tecnica del telo per soffocare le erbacce. Inizia rimuovendo questo telo di plastica (a meno che non sia plastica intrecciata riutilizzabile). Invece, stendi la carta da costruzione con un po’ di terra sopra per tutto l’inverno! In primavera annegheranno le erbacce e grazie alle piogge sarà già iniziata la decomposizione delle cassette. Per l’estetica, pensa a pacciame di foglie morte o paillettes di lino o paglia.

pacciamatura trucioli di pacciamatura giardino
Credito: Oz Cameraman / iStock

3) Strumenti e attrezzature senza plastica

Per la compostiera da giardino, evita i contenitori di plastica! Ad esempio, può essere costruito con pezzi di legno per pallet non trattato e riciclato. E scegli i tuoi irrigatori di zinco. Inoltre, scegli il legno per il cancello del tuo giardino, la recinzione di vimini, la casetta da giardino in legno anziché la plastica, ecc. Inoltre, il tuo giardino sarà più estetico con questa moda vintage!

spruzzatore
Crediti: congerdesign / pixabay

Fonte

Articoli correlati:

Può essere vietato mettere fioriere sul mio balcone?

Strati: come posizionare correttamente le piante da interno?

Isolamento naturale ed ecologico: quale scegliere per la mia casa?

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.