Giardino autosufficiente: ti diciamo tutto noi!

Molte persone sognano di avere un giardino e di vivere in modo autosufficiente. Rendendolo conto, sarai in grado di produrre da solo il tuo fabbisogno alimentare, risparmiando denaro ogni mese. Inoltre, gli amanti del giardinaggio saranno deliziati e anche coloro che vivono in un appartamento! Grazie a questo articolo imparerai come realizzare il tuo orto autosufficiente e, per gli abitanti della città, un piccolo orto parziale.

Quali sono le mie esigenze?

La prima cosa che dovresti fare prima di iniziare a costruire il tuo giardino è definire le tue esigenze. Guarda le tue abitudini alimentari di giorno, ma anche di settimana. Questo è un passaggio importante che ti permette di definire il posto che darai ai diversi cibi. Se possibile, prova anche a pensare a cosa stai consumando nelle diverse stagioni. Vedremo infatti come conservare il cibo da una stagione all’altra.

I metodi di coltivazione e i tempi di semina possono variare a seconda di ciò che decidi di piantare. Fai un elenco di prodotti che vuoi coltivare in base all’assunzione di ogni verdura o frutto. L’orto autosufficiente ti permetterà di produrre il tuo cibo per un lungo periodo di tempo, soprattutto se vuoi essere autosufficiente al 100%. Né bisogna piantare tutto in una volta, con il rischio di sprecare prodotti troppo maturi. Cerca di ottimizzare il tuo giardino classificando le tue piante in base alle loro esigenze, ma anche a seconda che siano perenni o piantagioni che daranno origine ad un solo raccolto. In questo modo potrete realizzare appezzamenti di terreno per un raccolto lungo (perenni) o una produzione più breve. Ciò consentirà di ottenere una terra organizzata tra alberi e ortaggi che ricrescono e quelli che dovranno essere rinnovati. Il primo anno vedrai il posto che le tue abitudini alimentari richiedono e questo crescerà nel corso degli anni. Potrebbe essere necessario fornire un giardino più ampio in modo che le verdure possano essere rinnovate (insalata, ravanelli, carote…).

Credito: Natalia Filkina / iStock

Rendi il mio giardino autosufficiente

Per realizzare un giardino autosufficiente, assicurati di studiare bene la tua terra. Vedrai così cosa è possibile fare e piantare in base alla luminosità e alla natura del terreno. La cosa interessante da riprodurre è un giardino di permacultura. Per fare questo, usa il compost e raccogli anche l’acqua piovana. È inoltre necessario attirare dal giardino gli insetti benefici, detti anche insetti “ausiliari”, non utilizzando fertilizzanti chimici che possono ucciderli. Puoi lasciare un quadrato incolto nel tuo giardino con fiori di polline per favorire la comparsa di insetti impollinatori. Un altro trucco è creare o posizionare un hotel per insetti. Ciò consentirà ai piccoli aiutanti di stabilire i loro nidi e venire a pulire il pavimento. Predilige anche gli elementi naturali per riutilizzarli come cornice del caffè. È molto nutriente per il tuo giardino, agisce come attivatore del compost e respinge i parassiti.

Per costruire il tuo giardino autosufficiente, pianifica anche in anticipo! Pianta alberi da frutto che ti daranno una produzione consistente (pomeri, peri, ciliegi…). Nota anche cespugli, ribes e lamponi che hanno una durata di conservazione relativamente lunga. Poco più se hai spazio: costruisci una serra. Permette la coltivazione sia in estate che in inverno e serve a regolare la temperatura oltre che l’umidità.

insalate di permacultura
Credito: foglia verde123 / iStock

alcuni piccoli consigli

Poiché siamo autosufficienti al 100%, non dobbiamo consumare le nostre colture da giardino solo durante una stagione, ma durante tutto l’anno. Pertanto, la conservazione degli alimenti è essenziale. Ad esempio, puoi mettere le verdure in barattoli precedentemente sterilizzati. È inoltre possibile congelare, essiccare o disidratare i diversi prodotti raccolti.

Per risparmiare ancora di più, è fondamentale raccogliere alcune cose che i negozi buttano via. Questo è il caso dei semi, come i semi di zucca. Raccoglili e puoi mangiarli alla griglia o ripiantarli l’anno successivo. Lo stesso vale per i semi di pomodoro, o porri e patate. Raccogliete la parte radicata del porro e mettetela in poca acqua, sradicandola. Presto vedrai come la verdura riprenderà. Un altro consiglio: prendi una patata germogliata e ripiantala invece di buttarla. Questi piccoli consigli ti permetteranno di ricreare il tuo giardino quasi all’infinito e ad un costo inferiore!

Noccioline
Credito: Polina Tankilevitch/Pexels

Articoli correlati:

Cornice caffè: 5 modi per riutilizzarli in giardino e in casa

13 modi sorprendenti per preservare tutte le tue colture

5 passi per avviare un giardino di permacultura

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.