Fagiolini: consigli per coltivarli bene

Verdure che non potrebbero esserci più familiari nei nostri piatti, i fagiolini sono molto apprezzati per la facilità con cui possono essere cucinati. E a dire il vero, non è difficile coltivarli e raccoglierli anche quando hai un giardino! Quindi ecco come coltivarli.

Quando e dove piantare?

I semi di fagiolini possono essere piantati quando sono soddisfatte tutte le condizioni favorevoli per la germinazione: non troppa umidità, ma soprattutto senza gelatine ! Pertanto, questa azione può essere eseguita da aprile a fine giugno.

La semina è idealmente fatta in terreni ricchi, leggermente umido e ben drenato – e al sole. Se lo desideri, metti i semi nell’acqua 24 ore prima della semina può favorirne la germinazione. Da lì, sono possibili due opzioni:

  • semina tasca : posto circa 5 semi in una buca profonda circa 3 cm e rovinando il tutto di circa un piede.
  • semina linea : in un solco precedentemente preparato, mettere i semi uno per uno su questa linea, separandoli di circa 5 cm tra loro.

Una volta eseguita questa operazione e i semi ricoperti di terra, annaffia tutto. Assicurati anche installare un tutore se hai optato per i fagioli rampicanti.

acqua e raccolto

Una volta seminati i semi, il la crescita è relativamente veloce. In caso di siccità, è necessario fornirli irrigazione sufficiente facendo attenzione a non bagnare le foglie. In caso contrario, non è necessaria alcuna manutenzione speciale o aggiunta di fertilizzante.

Credito: tab1962/iStock

A seconda della varietà che hai scelto, la raccolta può richiedere più o meno tempo, e ad esempio più tempo Tutta l’estate. Questo può essere fatto ogni 2-3 giorni o una volta alla settimana : controlla solo in base alla varietà che hai piantato.

Quindi non devi far altro che svuotarli prima di cuocerli!

Vedi a riguardo: Fagiolini: le 2 tecniche per conservarli a lungo

Fagiolini: facili da cucinare e buoni per te!

costituire in accompagnamento ideale durante le grigliate o con un pollo, anche se possono costituire un piatto intero. Ad esempio, è possibile cucinarli con qualcosa panna, pancetta e parmigiano. Se ti piace l’originalità, si abbinano molto bene anche ad alcuni latte di cocco e curry !

E anche se pensi un po’ meno, i fagiolini possono essere consumati freddi – con un tocco di vinaigrette – come antipasto o insalata. Comunque consentono un generoso apporto di fibre per aiutare la digestione e mantenere la salute dello stomaco. Sono anche pieni di vitamine. Una vera risorsa nel piatto!

Articoli correlati:

Orto: 11 ortaggi da piantare in primavera

Agrumi: seminare semi di arancia, limone e altri frutti acidi

Tutorial: coltivare fragole in un cesto della biancheria

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.