Erba di cotone: come coltivare il cotone?

Il cotone (Eriophorum angustifolium, scirpo angustifoglio) è una straordinaria pianta acquatica. I suoi frutti, infatti, sono dotati di piccole scaglie argentate che ricordano la soffice seta. È una pianta che si trova vicino ai corsi d’acqua, nelle zone umide o anche nelle torbiere. Viene anche chiamato cotton rush per via dei suoi filati leggeri e dei filetti che ricordano le fibre di cotone. Scopri tutti i nostri consigli per la coltivazione del cottongrass.

1) Quando e dove coltivare il cottongrass?

Questa pianta, che si trova vicino a punti d’acqua, richiede terra acida. Il terreno inoltre non va drenato soprattutto perché necessita di un terriccio che trattiene l’acqua.

Il momento ideale per piantare l’erba di cotone è arrivato primavera (Marzo aprile). È possibile piantare anche in autunno tra settembre e novembre, a scelta.

Per garantire una buona crescita e fioritura della pianta, scegli una buona posizione soleggiato.

Credito: VSFP / iStock

2) Come piantare il cotone?

La densità di impianto è piuttosto bassa: ca. 5 piante per m² sono più che sufficienti. Infatti, come la maggior parte delle piante acquatiche, i rizomi di cotone si diffondono molto facilmente e velocemente. Attenzione a non perdere il controllo! Un trucco è piantare l’erba di cotone in una pentola e poi seppellirla nel terreno. Pertanto, non vi è alcun rischio di diffusione.

3) La manutenzione dell’anello di cotone

Il vantaggio del cotone è che non richiede alcuna manutenzione. Per moltiplicarlo, basta esercitarsi divisione. Per fare questo, dopo aver scavato parte del piede, è necessario tagliare i rizomi e trapiantare le giovani piante.

Essendo una pianta acquatica, è possibile mettere il cotone in una bacinella o in un laghetto purché l’acqua non superi i 5 cm, o anche i 10 cm, ma temporaneamente.

L’erba di cotone non è suscettibile alle malattie del giardino, ai parassiti e ai parassiti.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.