Dragoncello: tutto quello che c’è da sapere sulla semina, la semina, la coltivazione e la manutenzione

Il dragoncello è una delle erbe aromatiche da avere sempre a portata di mano per esaltare i vostri piccoli piatti. Sono le sue foglie che racchiudono l’esplosione di sapori che conosciamo così bene. Il dragoncello può essere coltivato sia in giardino che in vaso. Inoltre, è una delle erbe aromatiche che è facile da coltivare e cresce molto bene nei nostri climi. Ecco tutto ciò che devi sapere sulla coltivazione del dragoncello.

Come seminare dragoncello (test o all’aperto)?

Se scegli di coltivare il dragoncello indoor, puoi coltivarlo tutto l’anno in vaso. Tuttavia, per piantarlo nel terreno del giardino, dovrai aspettare fino a quando metà maggio. È anche possibile seminare al coperto all’inizio della primavera.

Per impostare la piantina, è necessario seppellire i semi in 1 o 2 cm di terreno e distanzia le file di 20 cm tra loro. Prendi un annaffiatoio con pioggia fine e annaffia moderatamente. La germinazione può richiedere fino a 2 settimane e la maturità sarà raggiunta 2 mesi dopo.

Come piantare il dragoncello?

Per piantare il dragoncello, vai in un garden center per comprarlo in un secchio. prenderà il rapporto immediatamente in un vaso più grande dopo l’acquisto. Scegli una terra universale di qualità. Seppellisci i semi in 1-2 cm di terreno e annaffia sotto una pioggia sottile.

Crediti: Serres Fortier / Flickr

Come conservare e raccogliere il dragoncello?

Dragoncello teme fortemente il gelo. Se si verificano gelate tardive, il dragoncello scomparirà completamente, ma riapparirà in primavera! Durante le ondate di freddo, proteggere il piede con pacciame o mettere il dragoncello sotto un cappuccio. Per quanto riguarda l’irrigazione, dovrebbe essere regolare, ma moderare. Ha bisogno di acqua soprattutto nei periodi caldi. È molto facile propagare il dragoncello, qualunque sia la tecnica: stratificazione, talee o pollone.

Durante tutto l’anno puoi taglia le lenzuola mentre vai delle tue esigenze. Inizia raccogliendo le foglie più vecchie. Inoltre, è meglio raccogliere foglia per foglia piuttosto che strappare o tagliare più steli contemporaneamente.

Per la conservazione, puoi asciuga le foglie di dragoncello all’aria aperta poi schiacciateli e metteteli in un barattolo ermetico. Puoi anche congelare le foglie, ma potrebbero perdere il loro sapore.

Fonte

Articoli correlati:

Prezzemolo: tutto quello che c’è da sapere sulla semina, la semina, la coltivazione e la manutenzione

Timo: tutto ciò che c’è da sapere sulla semina, la semina, la coltivazione e la manutenzione

Cipolla: come piantarla, coltivarla e raccoglierla

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.