Connected garden: la tecnologia al servizio delle piante!

Se sei il tipo frequent flyer o piuttosto vai in volo per la manutenzione dell’impianto, quanto segue ti aiuterà sicuramente! Oggi, la tecnologia consente a un numero sempre maggiore di uomini di assistere nelle loro attività quotidiane. Questo ha fatto la sua comparsa anche nella comunità dei giardinieri e si basa su numerosi studi che forniscono una migliore comprensione del processo della flora. Il giardino connesso ottimizza meglio le possibilità di vedere i tuoi fiori sbocciare e la tua pianta crescere quando il nostro programma non ci consente necessariamente di prenderci cura delle nostre piante quanto vorremmo. I due prodotti che vi presenteremo oggi consentono un monitoraggio approfondito delle vostre piccole piantagioni e anche un’irrigazione automatica quando siete fuori casa. Ti fanno anche sapere se la tua pianta è al posto giusto in casa grazie ai tanti sensori che le compongono. Largo al giardino connesso!

Mia Flora

Il sensore MiFlora di Xiaomi è un piccolo sensore Bluetooth che si collega per testare la tua pianta. Costa meno di 30€ e ti permette di avere informazioni sulla salute della tua pianta, in particolare sull’insolazione, l’umidità del suolo, la temperatura e il tasso di fertilizzante nel terreno.

MiFlora/Xiaomi

Pertanto, questo sensore consente alle persone che hanno un’agenda fitta o che hanno un po’ d’aria di non dimenticare il proprio impianto grazie alle notifiche. Pertanto, a seconda del tipo di pianta selezionata durante il montaggio del sensore, l’applicazione ricorda quando annaffiarla o quando spostarla in un luogo più luminoso. Nell’app puoi vedere a colpo d’occhio se tutto sta andando bene per la pianta grazie alle icone che ne rappresentano la salute:

MiFlora/Xiaomi
MiFlora/Xiaomi

L’applicazione registra le informazioni nell’arco della giornata, quindi è possibile consultarle in qualsiasi momento sotto forma di grafici (che possono essere molto utili quando si torna a casa dopo diversi giorni di assenza).

Puoi ottenere la MiFlora qui: Xiaomi MiFlora

barca pappagallo

La cucina connessa Parrot Pot dell’azienda francese Parrot raccoglie gli stessi dati del sensore MiFlora. Ma a differenza del sensore, è un vaso a sé stante. Grazie al suo serbatoio d’acqua da 2 litri, è in grado di irrigare automaticamente le tue piante! Come il sensore Xiaomi, puoi scegliere il tipo di pianta installata nel vaso all’avvio grazie all’ampio database delle piante dell’app. È grazie a questo che il test può avvisarti in caso di cattive condizioni di salute della tua pianta o addirittura avviare l’irrigazione automatica quando non ci sei! Puoi ottenere il Parrot Pot qui: Parrot Potpappagallo in vaso

pappagallo in vaso

Articoli correlati:

Piante da interno: 5 errori da evitare per piante sane

10 consigli per mantenere i tuoi fiori più a lungo

Rose: come e quando potarle in base alla loro varietà?

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.