Composito: 5 semplici consigli per renderlo un successo!

Avere un composto in casa va bene, ma devi comunque avere successo! Sì, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non basta mettere alcune bucce di frutta e verdura in un contenitore per ottenere un compost di buona qualità. Infatti, oltre al processo di decomposizione naturale, ci sono diverse buone abitudini da adottare che ti permetteranno di ottenere un compost ricco e 100% naturale!

1) Selezionare i residui

Sebbene il compostaggio sia un ottimo modo per ridurre i rifiuti di cucina e riutilizzare i rifiuti di giardino, non tutto è buono da bere. In effetti, alcuni rifiuti non hanno posto in una compostiera. Questo è particolarmente vero per i grassi alimentari, le ossa, i gusci di molluschi, le feci di cani e gatti, i tessuti, la terra, la sabbia o persino il legno trattato. D’altra parte, puoi compostare bucce di frutta e verdura, cornici di caffè, piante, pane umido o anche scarti di carne e pesce.

2) Mescolare i residui verdi e marroni

Non tutti i residui hanno le stesse proprietà. Infatti, ci sono residui verdi, ricchi di azoto, e residui marroni, ricchi di carbonio. I rifiuti verdi provengono dalle piante (bucce di frutta e verdura, ritagli, fiori appassiti, noccioli, ecc.). I rifiuti marroni, invece, sono costituiti da tutto ciò che non è considerato materia verde (rivetti alimentari, bustine di tè, tovaglioli di carta, aghi di pino, rami di potatura, foglie morte, ecc.).

Per ottenere un composto di qualità in grado di nutrire tutti i microrganismi (batteri, funghi, ecc.) e i lombrichi necessari alla produzione del compost, è necessario miscelare bene queste due tipologie di rifiuti. Come regola generale, per una mescola equilibrata, bisogna sempre contare 2/3 rifiuti marroni e 1/3 rifiuti verdi.

3) Livelli alternativi

Per ottenere un successo dal tuo compost, devi assolutamente alternare i diversi strati di rifiuti. Pertanto, quando si depositano i rifiuti umidi nella compostiera, assicurarsi che lo strato non superi il Spessore 30 cm. Quindi aggiungere uno strato di residuo secco sopra. Ripetere ogni volta la stessa operazione.

Credito: piotr_malczyk / iStock

Si noti inoltre che le ortiche o l’erba falciata possono essere aggiunte regolarmente al compost per accelerare il processo di decomposizione della materia organica.

4) Innaffia bene

Per diventare un fertilizzante particolarmente ricco per le tue piante, il tuo compost deve essere assolutamente necessario. rimanere umido. La ragione? Promuove l’attività dei microrganismi. Per fare questo ricordatevi di annaffiarlo ogni volta che aggiungete rifiuti, soprattutto in estate.

Attenzione però, perché bagnato non significa fradicio! R) Sì, per sapere se il compost è abbastanza umido, prendine una manciata in mano e spremere. Se forma un gruppo che si sfalda, non è necessario annaffiarlo. Se invece si stende direttamente senza formare un blocco, significa che ha bisogno di acqua. Al contrario, se mantiene la sua forma da blog, è troppo bagnato.

5) Ruota il composto regolarmente

Questo è l’ultimo elemento che contribuisce alla buona decomposizione del compost: ventilazione. Infine, affinché il tuo cumulo di compost si trasformi in fertilizzante, deve essere biforcato regolarmente. In effetti, questo gesto, che deve essere compiuto circa una volta al mese, lo consenteattivare la fermentazione dei rifiuti.

Buono a sapersi : si consiglia di favorire il compost in cumuli direttamente sul terreno per facilitare la miscelazione e quindi l’aerazione. Tuttavia, un composter è possibile purché te ne occupi regolarmente. In ogni caso il compost va tenuto sempre all’ombra, al riparo dal vento e dalla pioggia.

Se segui tutte queste precauzioni, dovresti essere in grado di recuperare il compost da interni in 3-6 mesi e il compost da giardino in 8-12 mesi!

Articoli correlati:

Compound: 8 consigli efficaci per allontanare mosche e zanzare!

Vermicomposting: compost da interni che non ha un cattivo odore!

10 modi per nascondere il cumulo di compost in giardino

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.