Carote arcobaleno: semina, pianta, coltiva, cura e raccogli

Se vuoi dare un po’ di colore ai tuoi piatti, le carote arcobaleno fanno per te. Non comune sugli scaffali dei supermercati, questa varietà di carote permette di variare un po’ i piaceri, sia visivamente che gustativamente. Ci sono diversi colori: arancione, viola, bianco o anche giallo. Le carote arcobaleno possono anche essere mangiate in diversi modi: arrostite, schiacciate, gratinate, al vapore e persino soffiate.

Semina: en terreno aperto

Periodo di semina: FFebbraio, marzo, aprile, maggio, giugno, luglio

Raccolto: JGiugno, luglio, agosto, settembre, ottobre, novembre

Esposizione: esoleggiato

Fabbisogno d’acqua: msignifica, medio

Dove seminare?

È possibile piantare le carote arcobaleno direttamente nel terreno. Per le regioni più fredde, è meglio piantare in telai o sotto tunnel. Basta un centimetro di profondità, con uno spazio di circa 20 cm tra ogni riga. Le carote arcobaleno hanno bisogno di terreno sciolto, quindi aggiungi un po’ di sabbia. Anche i terreni rocciosi sono favorevoli a loro.

Come coltivare?

In giardino, le carote amano essere circondate da pomodori, erba cipollina e insalate. Al contrario, rischi il fallimento del raccolto se li coltivi vicino a finocchi, cavoli e patate.

Credito: Tyler_ONEill / iStock

Come mantenerlo?

I primi giorni dopo la semina è necessario annaffiarli spesso, ma non abbondantemente, per favorirne l’emergenza. Dopo un mese, è possibile annaffiarli una volta alla settimana, questa volta generosamente. I piedi delle piante di carote possono essere coperti per prevenire la diffusione delle erbacce. Infine, non esitare a compattare regolarmente il terreno.

Raccolto

Le carote raggiungono la maturità tra le 12 e le 16 settimane dopo la semina. Possono essere raccolti a qualsiasi dimensione. Pertanto, puoi aiutarlo con una pala, quindi allungare saldamente le foglie. Per non rompere le radici, è meglio aspettare che il terreno sia umido. La vendemmia può essere effettuata da luglio a novembre.

Aneddoto:

Nel XIII secolo le carote non erano considerate un ortaggio, ma una pianta aromatica che permetteva di insaporire i piatti. Inoltre, non sempre avevano il colore arancione che conosciamo oggi. In effetti, per molto tempo erano solo violette. Gli olandesi impiegarono fino al XVI secolo per incrociare per ottenere una varietà di arance.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.