Carciofo: come piantarlo, coltivarlo e raccoglierlo

Il carciofo è un ortaggio da fiore della famiglia delle asteracia. Si dice erroneamente che è difficile da coltivare. Tuttavia, è proprio il contrario! È un ortaggio che si riproduce per diversi anni di seguito e che decorerà molto bene il vostro giardino. Lascialo un posto nel tuo giardino, rimarrai piacevolmente sorpreso. Dal gambo spuntano capolini verdi o viola. Per essere consumato, il carciofo viene raccolto prima che sia completamente maturo. Se coltivi il carciofo senza l’intenzione di consumarlo, puoi lasciarlo fare dei bei fiori. Segui questa guida passo passo per imparare a piantare, coltivare e raccogliere i carciofi!

Semina e messa a dimora del carciofo

Esistono due tecniche di coltivazione del carciofo: la semina o la messa a dimora nei frantoi.

Piantare il carciofo:

  • A fine inverno piantare il carciofo al chiuso in vaso o in una serra calda.
  • Innaffia leggermente.
  • Quando le piantine creano due foglie (minimo), è il momento di trapiantare.
  • È possibile attendere l’autunno per piantarli nel terreno e favorire così il radicamento.

Piantare il carciofo:

  • Raccogliere o acquistare garofani “preparati” al garden center. Per spogliare basta prelevare un tralcio che compare alla base, sviluppandosi alla periferia di un gambo di carciofo ben radicato. Si terrà all’inizio della primavera (marzo).
  • Installare gli occhielli nel frutteto, rispettando una distanza di 80 cm tra ogni pianta e 1 m tra ogni filare.
  • Il terreno deve essere ricco e ben drenato. Aggiungi il compost al momento della semina.
  • Scegli una posizione soleggiata, ma riparata dal vento.

Assicurati di distanziare bene le piante, perché il carciofo cresce rapidamente e in abbondanza.

crediti: suju / Pixabay

cura del carciofo

L’irrigazione dovrebbe essere regolare. Attenzione, il carciofo ha ancora paura dell’umidità in eccesso. In inverno è necessario proteggerli dal freddo con una coperta. Se proteggi bene la tua cultura durante l’inverno e soprattutto durante il gelo, vivrà per diversi anni. Il carciofo non sopporta temperature inferiori a -5°C, il che lascia un buon margine. All’inizio dell’inverno dovrai sbattere i piedi e poi coprirli di foglie.

In primavera, rimuovere tutta la protezione invernale e tagliare i rami alla base per mantenere solo 2-3 degli steli più forti.

raccogliere i carciofi

I carciofi vengono raccolti prima che le squame si separino. Con un coltello affilato tagliare i capolini a circa 15 cm dal peduncolo. I capolini vengono raccolti secondo necessità quando sono teneri. Di solito è troppo tardi quando inizi a vedere apparire i fiori blu. Il primo anno dovresti avere da 3 a 4 carciofi per pianta, poi puoi passare da 6 a 10. Dopo 3 o 4 anni, ruota i raccolti.

Fonte

Articoli correlati:

Zucchine: come coltivarle nel tuo giardino

Lattuga di agnello: tutti i consigli per coltivarla bene

Melanzane: come piantarle, coltivarle e raccoglierle

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.