Acquaponica: una tecnica di allevamento ecologica grazie al pesce

L’acquaponica è una tecnica di coltivazione fuori suolo che fornisce nutrienti essenziali a diversi tipi di frutta e verdura coltivati ​​con feci di pesce. Ecco tutto quello che c’è da sapere sull’acquaponica, una tecnica di agricoltura biologica.

Funzionamento

L’acquaponica è una cultura circuito chiuso. In primo luogo, i pesci allevati in acquario produrranno feci. Successivamente, grazie a pompe e tubazioni, l’acqua del laghetto verrà portata al serbatoio dove vengono conservate le piante per alimentarle. Dopo che l’acqua è stata denitrificato (purificato) dalle piante, tornerà allo stagno dove risiedono i pesci. Anche le pompe svolgono un ruolo importante, perché forniscono ossigeno in acqua.

Credito: Puripatch Lokakalin / iStock

i diversi elementi

Affinché l’intero impianto sia il più ottimale possibile, è necessario prestare attenzione ad alcuni punti importanti, come l’acqua che deve essere costantemente controllata: valore di pH, temperatura in modo che il pesce rimanga sano e che non uccida le piante. Inoltre, il pesce deve essere nutrito in base alle piante che vengono coltivate. In effetti, il cibo deve essere il più ricco nutrienti possibile.

Possibili tipi di colture

Ora ecco la domanda più interessante: quali colture sono possibili con l’acquaponica? Tieni presente che qualsiasi frutta o verdura può essere coltivata con questo metodo, sia che si tratti di ortaggi a foglia o di radice. Il fragoleil meloni e il cetrioli prosperare molto bene in quel tipo di ambiente.

È anche possibile allevare pesci come il grande tenda dove lui pesce rosso inizio. Successivamente, puoi aggiungere pesce persico, scampo o pesce di fiume.

acquaponica
Credito: josefkubes / iStock

Vantaggi e svantaggi

Uno dei primi vantaggi è quello di poter coltivare colture “senza suolo”, velocemente e in buona quantità. Il consumo d’acqua è anche ridotto, perché il circuito è chiuso.

A causa degli inconvenienti, possiamo evidenziare la necessità di un riparo a seconda del clima in cui collochiamo l’acquaponica. Infine, il consumo elettrico La pianificazione è necessaria, perché il sistema deve essere sempre in funzione per alimentare le pompe e le luci. Il costo di partenza è di circa 700€ per un kit piccolo di circa 1 m di lunghezza e 70 cm di larghezza.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.