5 piante che assorbono l’umidità in modo naturale!

Sapevi che alcune piante hanno il potere di assorbire l’umidità nelle case? Quindi, se l’umidità nella tua casa è troppo alta, sai cosa fare. Inoltre, queste bellissime piante abbelliranno le stanze e saranno più piacevoli alla vista dei deumidificatori di plastica! Ecco un elenco di 5 piante che assorbono l’umidità in modo naturale!

1. Cactus

I cactus assorbono molto bene l’acqua ambientale. Si adattano molto bene al bagno o a qualsiasi altra stanza della casa. Anche se vengono posti in un luogo umido, non dimenticare di annaffiarli di tanto in tanto.

Crediti: ulleo / Pixabay

2. Felce di Boston

Grazie ai suoi lunghi rami, la felce di Boston catturerà bene l’umidità. Come tutte le piante tropicali, apprezza i luoghi umidi. Ricordarsi di mantenere sempre il terriccio un po’ umido per non farlo seccare. Assicurati anche che i raggi del sole non siano a diretto contatto con la pianta. Un altro vantaggio della felce di Boston sono le sue proprietà decontaminanti. Pertanto, troverai perfettamente il tuo posto in un appartamento in città.

Felce di Boston (Nephrolepis exaltata)
Credito: aon168 / iStock

3. Orchidee

L’orchidea non ha bisogno di essere in un vaso per vivere. Inoltre, assorbe l’acqua dall’ambiente circostante attraverso le sue radici. L’orchidea deve essere collocata in un luogo luminoso e lavata circa una volta alla settimana in acqua leggermente calcarea. Questi gesti ti permetteranno di mantenere una buona crescita e fornire una lunga fioritura.

piante da bagno di orchidee
Crediti: HOerwin56 / Pixabay

4. Spatifillo

Come la felce di Boston, lo spathiphyllum è una pianta tropicale originaria del Sud America. È con le sue foglie che assorbe l’umidità ambientale. Con un’irrigazione leggera e regolare, fiorirà in un punto luminoso. I suoi fiori sono presenti per la maggior parte dell’anno. Lo Spathiphyllum è anche una pianta decontaminante.

spathiphyllum fiore di luna
Crediti: JACLOU-DL / Pixabay

5. Tillandsia

Come l’orchidea, è un’epifita. La tillandsia è una pianta che può essere appesa, posizionata su un minerale o addirittura in vaso. La sua principale fonte di nutrienti sarà catturata dall’umidità del suo ambiente. È attraverso le sue foglie che avviene la cattura. La pianta deve essere annaffiata ogni dieci giorni circa. Se la pianta è priva di umidità, te lo farà sapere facendo rotolare le foglie attorno ad essa. Come tutte le piante che abbiamo visto, apprezza un luogo luminoso, ma senza luce solare diretta.

tillandsia
Crediti: sette75 / iStock

Articoli correlati:

Tutorial: coltivare fragole in un cesto della biancheria

Compound in inverno: quali accortezze adottare?

Preparazione per l’inverno in giardino: piante da esterno e da interno

Publicaciones Similares

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *